News

13 Aprile 2021

INNOVAZIONE

VEZUA: LA PIATTAFORMA GLOCAL DALLA VOCAZIONE ECOSOSTENIBILE

Negli ultimi anni abbiamo assistito a una transizione massiccia delle logiche di commercio verso sistemi digitalizzati, che sono destinati a permeare il mercato in direzione di una sempre più diffusa Web Economy. Vivere nell’era dell’economia digitalizzata significa poter disporre di uno strumento potentissimo per creare spazi di connessione e di commercio alla portata di tutti, a livello sia locale che globale. Ma la grande possibilità che è data alle aziende è quella di fare tutto ciò tenendo in grande considerazione il momento storico che stiamo vivendo, individuando le reali necessità e i bisogni della società per fornire soluzioni adeguate attraverso Internet.

È questa la mission inseguita da Giulia FaleriFrancesco Salvi, due giovani imprenditori di Siena mossi dall’intuizione che il progresso possa essere generato dall’unione tra la scienza e la natura, e che le aziende debbano porre al centro dei propri progetti tematiche ambientali ed ecologiche, a beneficio di tutti. In collaborazione con Impact Hub Network - un network globale e incubatore che supporta le startup nelle varie fasi della loro crescita - nell’Ottobre 2020 lanciano Vezua, un progetto di successo che ha l’obiettivo di trasformare il commercio in un atto che crea valore sociale e ambientale.

Vezua è un Marketplace completamente virtuale, che si propone di fare incontrare domanda e offerta di prodotti ecosostenibili a livello locale in tutto il mondo. Non un e-Commerce, bensì un vero e proprio portale dell’ecosostenibilità, in quanto non dispone di alcun centro logistico o magazzino di stoccaggio della merce: la compravendita avviene esclusivamente in modo diretto tra i produttori e i consumatori che, grazie alla geolocalizzazione, possono trovare merci e servizi in vendita nella propria località.

Il requisito da rispettare per poter fare parte del Marketplace è proprio l’ecosostenibilità: le imprese, per avere l’accesso, devono sostenere una rigida selezione sulla base di certificazioni e accertamenti non solo sul prodotto che vendono, ma anche sull'intera catena di produzione. Una volta ottenuto l’accesso, ogni rivenditore ha a disposizione un proprio shop online personalizzato tramite cui creare una vetrina prodotti ed effettuare vendite, inserire annunci, gestire il rapporto con gli acquirenti e ricevere ordini e pagamenti.

I prodotti che si possono trovare su Vezua ad oggi sono i più disparati, dagli alimenti a km 0 all’abbigliamento realizzato con fibre naturali o riciclate, dalla tecnologia ricondizionata ai mobili artigianali, dalla cosmetica biologica ai mezzi di trasposto ecologici.

Oltre al Marketplace, la piattaforma mette a disposizione una bacheca di annunci su cui i partecipanti possono pubblicizzare iniziative esclusive a tema ambientale, come visite guidate negli apiari, passeggiate con gli animali ed eventi culinari e musicali. A breve, l’offerta comprenderà anche la possibilità di acquistare vari servizi green come la prenotazione di alberghi, ristoranti e biglietti per il trasporto urbano, trasformando la piattaforma di commercio in una fabbrica di esperienze, a giovamento sia dei consumatori che di produttori e piccole medie aziende locali che vogliono farsi conoscere attraverso queste iniziative.

Sebbene bastino queste caratteristiche a fare di Vezua un progetto virtuoso, è importante aggiungere che il progetto nasce dall’obiettivo di utilizzare parte dei ricavi generati dal Marketplace per acquistare terreni in cui ricreare ecosistemi di foreste, visitabili gratuitamente una volta ultimati. Il concetto è quello di reinterpretare la foresta in chiave moderna, ovvero fondendo un bosco e un giardino fiorito: un luogo gradevole in cui l’uomo e la natura siano in perfetto equilibrio, e che funga da riparo e sostentamento per gli animali impollinatori, grazie ai vari tipi di piante presenti.

Questi luoghi sono i Giardini Boschivi Vezua, resi possibili grazie alla collaborazione dei fondatori con enti forestali e vivai specifici, che selezionano piante a basso fabbisogno idrico adatte alla tipologia del terreno in cui saranno inserite; questo per dare un contributo essenziale a tutto l’ecosistema che verrà generato e per ridurre l’utilizzo di acqua necessaria alla sua crescita. Il primo appezzamento è già stato acquistato a Monteroni d’Arbia, in provincia di Siena, ed è attualmente in fase di piantumazione.

Vezua si rivolge quindi a un target di persone che desiderano scoprire e acquistare prodotti ecosostenibili nelle vicinanze, per ridurre il proprio impatto ambientale. Ma come possono fare lo stesso le persone che hanno la necessità di acquistare prodotti che provengono da lontano e che necessitano di sistemi di logistica e spedizione?

Fortunatamente, molte aziende che utilizzano sistemi di spedizione hanno già cominciato a muoversi verso una gestione più sostenibile della mobilità e della logistica, soprattutto in quest’ultimo anno segnato dall’emergenza del Covid-19: l’aumento esponenziale degli acquisti tramite e-Commerce ha accentuato un problema già esistente, e che necessita ora più che mai di una soluzione.

Oggi i consumatori sono molto attenti al tema della sostenibilità, e scelgono più volentieri aziende e prodotti che si impegnino ad essere meno impattanti possibili. La prima soluzione da adottare per un e-Commerce o un’azienda che ha necessità logistiche di spedizione, è quella di investire in packaging progettati per ridurre al minimo gli sprechi e realizzati con materiale ecosostenibile, come il cartone, oltre a ridurre al minimo l’utilizzo di prodotti difficilmente riciclabili. Importante anche la presenza di certificazioni che attestino gli impegni sostenibili presi dalla propria azienda e da tutte le aziende coinvolte nel processo produttivo, a monte e a valle.

Condividi su:

Torna alle news >

Altre news

INNOVAZIONE

29 Settembre 2021

I VALORI ESG COME INDICI DI REPUTAZIONE

L’attenzione verso temi come l’impatto ambientale, l’inclusione e le buone pratiche di governance di un’impresa ha portato a una profonda trasformazione del mercato: nascono i valori ESG.

SOSTENIBILITÀ

21 Settembre 2021

DECRETO END OF WASTE: IL CARTONE DA RIFIUTO A RISORSA

Il 24 agosto 2021 è entrato in vigore il decreto End Of Waste : un passo avanti importantissimo per l’industria cartaria, che mantiene la sua posizione di eccellenza nella transizione verso l’economia circolare. 

DESIGN

14 Settembre 2021

IL CARTONE INCONTRA IL DESIGN

Esploriamo le ragioni della crescente disponibilità di mobili e oggetti in cartone, incoraggiata dalla domanda di sostenibilità e innovazione del mercato. 

PRIVACY POLICY CREDITS
Cornelli Brand Packaging Experience Srl - p.i. 01745140192 - Rea CR-198181 - Cap. Soc. 150.000 euro i.v.
Cornelli Brand Packaging Experience Srl
p.i. 01745140192 - Rea CR-198181 - Cap. Soc. 150.000 euro i.v.
Cornelli Brand Packaging Experience Srl
p.i. 01745140192 - Rea CR-198181 - Cap. Soc. 150.000 euro i.v.