News

29 Aprile 2021

INNOVAZIONE

TRASPARENZA E TRACCIABILITÀ CERTIFICATE RAFFORZANO LA REPUTAZIONE AZIENDALE

Se nell’articolo precedente abbiamo affrontato il tema della sostenibilità come driver nella scelta d’acquisto, oggi parleremo di trasparenza e di ricerca di valori affini, due elementi che stanno rapidamente assumendo un ruolo prioritario per le scelte dei consumatori.

Il consumatore moderno ha acquisito una maggiore sensibilità nella valutazione delle problematiche che fanno parte del nostro tempo, e non solo: la consapevolezza genera il desiderio di contribuire alla costruzione di un futuro nuovo, anche attraverso piccole azioni quotidiane. Ciò lo porta inevitabilmente ad avvicinarsi ai brand che meglio incarnano i propri ideali sociali e ambientali.

Per questa ragione sta diventando sempre più importante per le aziende riuscire a comunicare efficacemente i propri principi e dimostrare il proprio interesse e impegno in questi ambiti, perché sono chiamate a rispondere a una forte esigenza di chiarezza e di affidabilità.

La reputazione e l’immagine aziendale sono elementi che vengono tenuti in grande considerazione, e la condivisione di valori forti con il proprio pubblico permette di instaurare con esso un rapporto di fiducia. Il rapporto di fiducia che si instaura tra gli utenti e le aziende a cui si rivolgono si basa sulla garanzia che le promesse fatte dai brand vengano mantenute: tradire la fiducia di queste promesse significa provocare un danno notevole alla reputazione dell’azienda.

Dall'ultima ricerca indetta da Ibm e National Retail Federation (Nrf), emerge che un terzo dei consumatori intervistati smetterebbe di acquistare i prodotti di un brand qualora questo non gli ispirasse più fiducia. Il 79% del campione afferma l’importanza che il brand fornisca una garanzia di autenticità, in modo diretto e chiaro. Di questi, il 71% è disposto a pagare un sovrapprezzo del 37% alle aziende che offrono completa autenticità, trasparenza e tracciabilità. Sono quindi questi gli aspetti su cui fare leva per avvicinarsi concretamente al proprio pubblico.

L’autenticità di un brand si esprime attraverso il purpose aziendale, ovvero l’insieme di idee, valori e propositi che ne caratterizzano l’essenza. Il racconto del brand, oggi, deve andare oltre la proposta del prodotto in sé e saper valorizzare anche le motivazioni che spingono l’azienda all’azione. Più l’azienda si espone, prendendo posizione anche su temi etici e di rilevanza sociale, più risulta autentica, e quindi degna di fiducia.

La trasparenza rappresenta la volontà di un’azienda di testimoniare ciò che afferma di essere, di mostrare con chiarezza il proprio operato e le proprie intenzioni, per aggiungere credibilità alla propria immagine e fornire ai consumatori a cui si rivolge una garanzia di affidabilità: quello che gli utenti cercano nelle proprie aziende è un dedicato interesse al rispetto dell’ambiente e all’innovazione, una continua tendenza al miglioramento, nonché il mantenimento di alti standard di qualità attraverso un progressivo sviluppo ecocompatibile dei processi produttivi e un’accurata selezione delle materie prime.

Per questo motivo anche la tracciabilità cresce di importanza in tutti i settori, specialmente quelli caratterizzati dalla presenza di filiere globali che coinvolgono una grande varietà di attori dislocati in diversi paesi: questo ha profonde implicazioni a livello ambientale, sociale e sul piano della sicurezza dei prodotti, perché la frammentarietà della catena del valore rende complesso, per i marchi e i produttori, conoscere la storia dei propri prodotti e identificare i rischi e i possibili margini di miglioramento. Particolarmente sensibili all’argomento sono i settori alimentare, moda e cosmetica, nei quali la provenienza delle materie prime e la sicurezza dei processi produttivi interessano non solo l’etica dei consumatori, ma soprattutto la loro salute.

Esistono diversi metodi per garantire la trasparenza aziendale. Il più efficace consiste nell’affidarsi ad aziende specializzate come Antares Vision, che offre soluzioni avanzate di tracciabilità su tutta la filiera mediante l’implementazione di tecnologie Track & Trace - identificatori su ogni singola unità vendibile che fungono da “passaporto digitale” per i prodotti e permettono di geolocalizzarli in tempo reale. Grazie a questa soluzione è possibile proteggere l’integrità dei prodotti, ottimizzare l’efficienza della linea di produzione e ridurre al minimo il numero dei prodotti richiamati, offrendo la certezza di avere catene di fornitura affidabili e trasparenti.

Un altro importante segnale di affidabilità è rappresentato dalle certificazioni, a garanzia degli alti standard perseguiti dalle aziende che le ottengono, che si basano su rigorose norme - sia nazionali che internazionali - che riguardano qualità, ambiente, sicurezza, responsabilità sociale e altri importanti valori per un’azienda.

Non è un caso che la Cornelli Brand Packaging Experience ne abbia conseguite, con grande determinazione, alcune tra le più vicine ai propri scopi aziendali:

  • ISO 9001:2015 – Qualità - Si tratta di una norma riconosciuta a livello mondiale, uno strumento fondamentale per un importante processo di riorganizzazione interno che permette di monitorare e migliorare i propri metodi di lavoro e le attività aziendali, aiutando l’azienda a focalizzare l’attenzione sull’efficacia del proprio sistema di gestione e mirando alla soddisfazione dei propri clienti.
  • ISO 14001:2015 - Ambiente - Una certificazione che ha lo scopo di fornire alle aziende uno standard di riferimento di corretta gestione, al fine di facilitare il raggiungimento degli obiettivi ambientali, ottimizzare i processi e le risorse energetiche utilizzate, ridurre i costi e prevenire l’inquinamento, al servizio di consumatori sempre più attenti a prodotti e servizi che guardano ad uno sviluppo sostenibile.
  • ISO 37001:2016 – Anticorruzione – Questa norma specifica le misure e i controlli anticorruzione minimi che un’organizzazione deve adottare per monitorare le proprie attività aziendali al fine di prevenire la corruzione. Nasce per aiutare le organizzazioni a combattere la corruzione e promuovere una cultura d’impresa etica.
  • FSC E PEFC. I prodotti in carta e cartone che ottengono le certificazioni FSC e PEFC sono realizzati con materie prime che provengono dal legno di foreste gestite responsabilmente, e che sono monitorate e tracciabili lungo tutta la Catena di Custodia della filiera cartaria, partendo dai proprietari forestali fino alle industrie e ai fornitori.

Investire in tutto ciò che può contribuire alla creazione di valore etico per l’Azienda è ormai necessario per potenziare il rapporto di fiducia con i clienti e per ottimizzare il proprio posizionamento reputazionale: fare parte di una filiera trasparente e certificata rappresenta un fattore determinante per il successo del proprio marchio.

Le nostre Certificazioni

Condividi su:

Torna alle news >

Altre news

INNOVAZIONE

13 Luglio 2021

IL PACKAGING, PONTE TRA IL FISICO E IL DIGITALE

Scopriamo insieme il connected packaging, un packaging interattivo che utilizza specifiche tecnologie, sensori o etichette intelligenti per fornire informazioni riguardo al prodotto al suo interno o all’azienda che lo vende.

DESIGN

06 Luglio 2021

COINVOLGERE CON IL PACKAGING INTERATTIVO

Scopri uno dei maggiori trend degli ultimi anni, il packaging interattivo: una forma di packaging che attraverso un’azione del cliente è in grado di trasformarsi, intrattenere, divertire o sorprendere. 

SOSTENIBILITÀ

29 Giugno 2021

COME FUNZIONA LA TUTELA DEGLI ORGANI DI PROTEZIONE FORESTALE?

Un approfondimento sulle principali differenze tra FSC e PEFC, i più importanti organi internazionali di tutela forestale.

PRIVACY POLICY CREDITS
Cornelli Brand Packaging Experience Srl - p.i. 01745140192 - Rea CR-198181 - Cap. Soc. 150.000 euro i.v.
Cornelli Brand Packaging Experience Srl
p.i. 01745140192 - Rea CR-198181 - Cap. Soc. 150.000 euro i.v.
Cornelli Brand Packaging Experience Srl
p.i. 01745140192 - Rea CR-198181 - Cap. Soc. 150.000 euro i.v.