News

22 Giugno 2021

INNOVAZIONE

IL FENOMENO VIRALE DEI VIDEO UNBOXING

Negli ultimi anni, il packaging secondario è diventato protagonista di un fenomeno virale sui social network: il fenomeno dei video unboxing. La pratica di filmare e caricare online il momento del disimballaggio di un prodotto risale circa al 2006, grazie alla nascita di siti dedicati a questo tipo di contenuti. Inizialmente si trattava di video rudimentali, generati spontaneamente dagli utenti che condividevano con pochi followers la gioia di aprire un pacco appena ricevuto; oggi l’unboxing è diventato uno dei format più popolari sui social network, e in particolare su You Tube, nonché uno strumento di marketing molto efficace.

Secondo i Google Consumer Surveys del 2014, un consumatore su cinque ha riferito di guardare regolarmente video di unboxing su YouTube, e il 62% di questi ha affermato di averlo fatto durante la ricerca di un prodotto. All’epoca, la piattaforma contava circa 1,6 milioni di video di questo genere. Oggi i video che contengono la parola “unboxing” nel titolo risultano più di 100 milioni, e il video più cliccato conta circa 224 milioni di visualizzazioni. In questo articolo analizzeremo le ragioni che si celano dietro all’entusiasmo per questa pratica così diffusa.

Il contenuto dei video unboxing è estremamente semplice: consiste nello spacchettamento di prodotti, per la maggior parte acquistati online, al fine di valutarne l’esperienza d’acquisto. Ed è infatti proprio l’esperienza complessiva ad assumere un ruolo centrale: la valutazione dell’unboxing non riguarda unicamente il prodotto in sé, ma anche il modo in cui viene presentato, il design e la qualità del packaging - in termini di materiali utilizzati, complessità di smaltimento e usabilità –, gli interni, gli accessori e infine gli eventuali omaggi e materiali promozionali o di comunicazione presenti all’interno del pacco in accompagnamento al prodotto.

L’atto di assistere alla scoperta di questi elementi è già di per sé motivo di grande attrazione per gli utenti del web: molti di essi, infatti, assistono all’unboxing unicamente per la sensazione di soddisfazione che ne deriva, un senso di piacevole aspettativa che tutte le persone provano per un prodotto nuovo da scoprire, e che viene evocata anche indirettamente attraverso l’esperienza di un’altra persona che interagisce con un oggetto che si desidera.

Un'altra caratteristica attrattiva dei video unboxing è che sono pratici, perché svelano ai consumatori che cosa aspettarsi esattamente da un acquisto. Molto spesso il percorso decisionale d’acquisto odierno comincia con una ricerca online del prodotto desiderato, al fine di raccogliere informazioni e recensioni utili a soppesare la scelta. Gli utenti tengono in grande considerazione il giudizio di altre persone che hanno acquistato lo stesso prodotto da loro desiderato, specialmente se la recensione è supportata da una dimostrazione pratica come del caso dei video di unboxing. In questo modo, gli acquirenti che condividono i propri acquisti sui social diventano dei veri e propri brand ambassador, in grado di influenzare positivamente la percezione che i loro seguaci hanno di quel determinato prodotto, specialmente se l’esperienza di unboxing si dimostra entusiasmante o sorprendente.

La massiccia diffusione e il livello di interazione raggiunti dai video di unboxing hanno messo in evidenza l’enorme potenziale commerciale di tale pratica. È così che, in brevissimo tempo, l’unboxing experience è passata da semplice moda online a potente strumento di marketing utilizzato dalle aziende per fidelizzare la clientela e per aumentare la propria brand awareness.

I migliori brand ambassador sono senza dubbio gli influencers, che le aziende hanno cominciato a coinvolgere nel proprio piano di comunicazione: idoli, celebrità e web star sono oggi considerati le voci più affidabili nella valutazione dei marchi e, grazie alla loro vastissima copertura in termini di visualizzazioni, giocano spesso un ruolo fondamentale nella diffusione e promozione di brand e prodotti.

Anche in vista di collaborazioni nell’ambito dell’influencer marketing, è ormai evidente che il packaging secondario non sia più un fattore trascurabile in una strategia di comunicazione e promozione di un brand. Come abbiamo evidenziato nell’articolo sul valore dell’esperienza di unboxing, un packaging gradevole è una preziosa estensione del marchio, in grado di aumentare il valore percepito del prodotto al suo interno attraverso una vera e propria esperienza emozionante e memorabile, ed è senza dubbio uno degli elementi che più catturano l’attenzione e la fantasia del pubblico che ama i video di unboxing.

Condividi su:

Torna alle news >

Altre news

INNOVAZIONE

29 Settembre 2021

I VALORI ESG COME INDICI DI REPUTAZIONE

L’attenzione verso temi come l’impatto ambientale, l’inclusione e le buone pratiche di governance di un’impresa ha portato a una profonda trasformazione del mercato: nascono i valori ESG.

SOSTENIBILITÀ

21 Settembre 2021

DECRETO END OF WASTE: IL CARTONE DA RIFIUTO A RISORSA

Il 24 agosto 2021 è entrato in vigore il decreto End Of Waste : un passo avanti importantissimo per l’industria cartaria, che mantiene la sua posizione di eccellenza nella transizione verso l’economia circolare. 

DESIGN

14 Settembre 2021

IL CARTONE INCONTRA IL DESIGN

Esploriamo le ragioni della crescente disponibilità di mobili e oggetti in cartone, incoraggiata dalla domanda di sostenibilità e innovazione del mercato. 

PRIVACY POLICY CREDITS
Cornelli Brand Packaging Experience Srl - p.i. 01745140192 - Rea CR-198181 - Cap. Soc. 150.000 euro i.v.
Cornelli Brand Packaging Experience Srl
p.i. 01745140192 - Rea CR-198181 - Cap. Soc. 150.000 euro i.v.
Cornelli Brand Packaging Experience Srl
p.i. 01745140192 - Rea CR-198181 - Cap. Soc. 150.000 euro i.v.